MOU – Memory Recall

Non so se questo post sarà degno di fede, sono un irpino e questo lavoro mi tocca nel profondo. In memoria del tragico terremoto del 23 novembre 1980, che ha sconvolto le vite di migliaia di cittadini dell’entroterra irpino, i Mou escono con questo splendido lavoro. I suoni si allontanano dalle derive drum’n’bass che caratterizzavano il lavoro precedente(l’ottimo ###NTAIN VIBES), per avvicinarsi a sonorità piu’ indie ma sempre con tanto dub come è consueto alla band. Stavolta c’è più impatto, piu uomo e meno macchina mi verrebbe da dire. La sezione ritmica è più che mai corposa e presente, i synth vanno alla ricerca dei suoni che ricordano le radici del gruppo, tra tarantelle elettroniche e campionamenti delle parole e del dolore della gente, che vengono usati come veri effetti o addirittura tracce (sentire i boati su cui è creata radio alpha on air). La voce di Renato è sempre costruita su un rap dialettico ma stavolta è piu turbata dal ricordo degli eventi. Personalmente la prima volta che l’ho ascoltato gli occhi mi si sono gonfiati di lacrime, nell’ascoltare questo struggente documento di rievocazione fatto anche di telefonate speranzose e nella mente  passavano tutte le diapositive viste su questo inevitabile dramma. I Mou lasciatemelo dire realizzano un lavoro splendido di rievocazione e di ricordo fatto di atmosfere prima robuste, poi via via sempre piu umane e delicate, che trovano il loro apice in “Le mani sulla schiena” dove sarà impossibile non sciogliersi nel ricordo delle propie cicatrici. Un album per non dimenticare e da non dimenticare.

frontcover-500pxl.jpg

Di seguito trovate il link della prode A Quiet Bump, dove potrete scaricare l’intera realese gratuitamente:

http://www.aquietbump.com/aqbmp007.html

My space

Annunci